NOVA MELANCHOLIA  permormance#1 IMMAGINA UN PAESAGGIO EROICO

25/10 - 28/10

La compagnia di Atene, Nova Melancholia in residenza artistica a fivizzano27 a fine mese aprirà le porte per una presentazione del loro lavoro in forma di studio.
Ci farebbe piacere avervi presenti e avere uno scambio con una realtà internazionale per la prima volta in Italia.

NOVA MELANCHOLIA
presenta
IMMAGINA UN PAESAGGIO EROICO
PERFORMANCE #1

25-26-27 ottobre alle 20:30
domenica 28 ottobre alle 19:00
spazio fivizzano27
Via Fivizzano, 27 (pigneto)

prenotazione obbligatoria
mail to fivizzano27@gmail.com

Performers : Ondina Quadri, Marcus Richter, Alexia Sarantopoulou, Vassilis Noulas, Kostas Tzimoulis
Visual arts : Kostas Tzimoulis
Directed by Vassilis Noulas

descrizione del lavoro
La performance in corso “Imagina un paesaggio eroico” trae la sua ispirazione iniziale dalle lettere della prigione inviata dalla rivoluzionaria marxista Rosa Luxemburg a Sonia Liebknecht cento anni fa, nel 1918. Le lettere ci toccano con la loro umanità pura e incredibile sensibilità esibiscono a tutto ciò che vive (uccello, insetto, pianta). Il titolo dell’esibizione deriva da una frase che abbiamo isolato da una di queste lettere.

Cos’è un paesaggio eroico? Cos’è l’utopia? Per cosa vale la pena combattere? Rosa Luxemburg sembra trovare eroismo nell’umile lotta di uno scarabeo rovesciato con le formiche o nell’esplosione di un uccello! Come possiamo affrontare il piccolo, apparentemente insignificante in termini eroici? Creiamo un monumento effimero, un omaggio a Rosa, utilizzando oggetti e materiali precari proprio come i nostri corpi e le voci!

e per l’estetica di Nova Melancholia …

Nova Melancholia segue narrazioni non lineari e apre dramaturgie. Usa il metodo di creazione dell’immagine del montaggio. Spesso coesistono azioni parallele, azioni apparentemente non correlate l’una all’altra e che creano un panorama multi-prospettiva. Nova Melancholia usa la poesia, i saggi e altra letteratura non teatrale come materiale per il suo lavoro. Il risultato prodotto è piuttosto un ibrido che oscilla tra arti visive, performance coreografiche e conferenze autoprotettive. Le strategie estetiche includono spesso l’identità di campo e / o di genere come mezzo per canticchiare l’esperienza dello spettatore del lavoro. Questo gesto ha l’ambizione di collocarsi all’interno del discorso corrente sulla politica e la sua relazione con il prodotto artistico di oggi e la sua etica del lavoro.

http://www.novamelancholia.gr/en